La nostra filosofia

  • Home
  • Chi siamo
  • La nostra filosofia

Salvaguardia del patrimonio culturale:
le vere ricette storiche

La storia dell’architettura della penisola italica è lunga oltre 2000 anni. Tante sono le epoche che la attraversano: romana, medievale, rinascimentale, neoclassica, così come tanti sono gli edifici di enorme importanza storico culturale inseriti nel vari contesti. Il nostro compito è quello di preservare e consolidare queste opere d’arte. Il restauro di un particolare edificio storico è un intervento unico a se che richiede uno studio mirato e l’utilizzo di materiali originali propri nell’epoca. Spesso per queste opere vengono utilizzati normali premiscelati commerciali composti da materie prime moderne adattati nella cromia con pigmenti coloranti.

Opificio Bio Aedilitia, nel pieno rispetto del D.L. n° 42/2004 (Codice dei Beni Culturali e paesaggio), grazie al proprio laboratorio di analisi e l’impianto di lavorazione materie prime è in grado di studiare e replicare qualsiasi materia prima del passato in maniera fedele e originale in base alla norma EN 11488 – “Linee guida per la classificazione, la definizione della composizione e la valutazione delle caratteristiche prestazionali delle malte da restauro”. Il risultato è un formulato identico all’originale dove l’aspetto è dato non da coloranti, ma dalla combinazione dei colori delle singole malterie prime (sabbie, cocciopesti, pozzolane e calci), condizione unica per avere malte che nel tempo invecchiano, non degradano e mantengono il fascino dell’originale.

Salvaguardia del patrimonio
Rispetto dell'ambiente

Rispetto
dell'ambiente

Nella formulazione di una malta l’inerte è il componente principale (circa 70/80 %). Valutando l’enorme quantitativo di premiscelati che circolano ogni giorno, bisogna considerare che l’approvvigionamento degli inerti gioca un ruolo determinante che può alterare l’ecosistema naturale. Molti inerti si trovano in natura, ma solo quelli che non vengono macinati o alterati nella loro morfologia possono essere chiamavi veramente naturali. Nel pieno rispetto dell’ambiente l’Opificio utilizza esclusivamente sabbie non macinate certificate EN 13139 e EN 12620 ottenute dalla riqualificazione di aree golenali di fiume non solo gli inerti più resistenti ed idonei per la produzione delle malte e intonaci, ma anche gli unici che non deturpano il paesaggio e vengono lavorati a basso consumo energetico.

Oggi quasi tutti i produttori di malte utilizzano prevalentemente sabbie di carbonato di calcio, inerte di scarsa qualità, ma economico e facile da reperire. Per questo e importante sapere che per produrre questo tipo di aggregato vengono frantumate le pareti rocciose di montagna utilizzando dinamiti, perforatrici, macchine operatrici e successivamente frantoi per la realizzazione delle varie granulometrie. Ciò significa degrado dei panorami paesaggistici, deturpazione e riduzione di molti rilievi, progressiva riduzione di alberi e verde, rimpiazzati da orrende pareti rocciose, nonché grande inquinamento ambientale.

Benessere
abitativo

Vivere in ambienti asciutti e salubri è fondamentale per la nostra salute. Sotto un violento acquazzone preferireste indossare un cappotto in pelle, traspirante e protettivo o una giacca di cotone assorbente? Lo stesso vale per la vostra casa. L’utilizzo di sabbie di carbonato di calcio “naturalmente assorbenti”, limita fin da subito il potere traspirante e protettivo degli intonaci che rimanendo bagnati non permettono più la regolare e costante trasmigrazione del vapore acqueo dall’interno della casa verso l’esterno. Gli ambienti diventano così malsani per noi, ma ideali invece per il prolificarsi di muffe e funghi spesso cause o concause di asma e problemi cardio-respiratori. Per evitare questi fenomeni è necessario un rivestimento che permetta alla muratura di espellere il vapore acqueo dall’interno all’esterno. Intonaci di questo tipo sono realizzabili esclusivamente con strutture naturalmente porose, una caratteristica raggiunta non solo con l'impiego di leganti di qualità e pozzolane, ma soprattutto dall'utilizzo di inerti di origine alluvionale n non assorbenti, gli unici a conferire alle malte una porosità costante nel tempo.

* Locali abitati con un tasso di umidità relativo eccessivo, possono creare problemi di salute agli occupanti; le principali malattie che si originano dal vivere in ambienti umidi riguardano soprattutto gli apparati: respiratorio, circolatorio e articolare. Nei casi di asma l’aria umida aumenta notevolmente i disagi dati da questa malattia.

Benessere abitativo

Hai bisogno di un rifacimento storico?

compila il form di prenotazione e verrai contattato dal nostro laboratorio

Prenota ora